domenica 30 marzo 2008

Un'ottima annata

Max Skinner (un occhialuto Russel Crowe) è uno spietato broker londinese, cinico e solitario. Un giorno riceve a casa una lettera che gli comunica che il suo amato Zio Henry (Albert Finney) è deceduto, lasciandogli in eredità la sua villa in Provenza – con vigna annessa – in cui passava le vacanze estive da bambino. Quindi Max si reca subito in Francia, però con l’intenzione di vendere la villa: ma una serie di incontri – tra cui quello con la bella Fanny Chenal (Marion Cotillard) – e di riaffiorati ricordi lo porteranno a riflettere sulla propria vita e su se stesso.
Già guardando la locandina si può intuire quale strada prenderà il film. Ma questo è un piccolo film ‘di regia’ del grande Ridley Scott: a contare sono i simpatici personaggi (tra cui Tom Hollander, il Mr. Collins di Orgoglio & Pregiudizio), la coloratissima fotografia di Philippe Le Sourd, il montaggio mai piatto (vedi la partita di tennis tra Max e il vignaiolo) e perfettamente abbinato a brani pop o “da camera” (musiche di Marc Streitenfeld). La sceneggiatura a orologeria, che comunque non risparmia un paio di colpi di scena nel sottofinale, è di Marc Klein, basata sull’omonimo romanzo di Peter Mayle. Una commedia/inno alla “vita tranquilla” di oraziana memoria – che diviene gradatamente sentimentale – con l’estetica di uno spot pubblicitario.
Una curiosità non marginale: sia il regista che lo scrittore Mayle hanno una tenuta in Provenza.

CRITICA: «««

VISIONE CONSIGLIATA: T

10 commenti:

  1. AlessandroReder30 marzo 2008 18:20

    Perdona l'invadenza, ma la prossima puntata di Al Posto delle Fragole non puoi proprio perderla! Si parlerà delle sorti delle sale italiane con interviste a personaggi prestigiosi.Ti aspetto!

    RispondiElimina
  2. OK, nessun problema... grazie per l'informazione!


    Bye!

    RispondiElimina
  3. Non sopporto Russel Crowe e Ridley Scott mi piace a fasi alterne...però non si sa mai...

    RispondiElimina
  4. Aa ah! Non l'hai visto! :P


    Scherzo... comunque posso dire che per piccoli film come questo bisogna anche essere dello stato d'animo giusto, per poterli "recepire" senza poi infierire in "fase di critica" ;)


    Sì, potrebbe piacerti...


    E poi non avercela con Crowe: ci è nato con quella faccia granitica, non l'ha voluta lui! E su certe sue performance non si può proprio dir nulla...


    Bye!

    RispondiElimina
  5. Questo non sono riuscito a vederlo e mi incuriosisce. Con Ridley Scott non si sa mai che film ci troveremo davanti (anche per me alterna film buoni ad altri che lo sono un po' meno). Quindi non mi resta che vederlo. A presto!

    RispondiElimina
  6. Sì, Scott è uno dei miei registi preferiti.


    Purtroppo devo ammettere che ha preso clamorose "buche" nel corso degli anni, ma allo stesso tempo ha regalato al Cinema dei film di grande importanza, davvero entrati nell'immaginario collettivo.


    Circa questo film, la mia recensione parla chiaro: lo ribadisco, è un piccolo film che ha il pregio di finire lasciando un sorriso sul volto di chi l'ha guardato.


    Quindi, lo consiglio ;)


    Ciao!

    RispondiElimina
  7. a me lui non piace tantissimo ma se lo consigli alla prima occasione lo guarderò

    RispondiElimina
  8. Lo consiglio, mette di buonumore ;)


    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Scott fa film belli e mezze ciofeche, è un po' discontinuo il ragazzo, questo comunque mi manca: tenterò di recuperarlo.

    RispondiElimina
  10. Purtroppo Scott ha girato più di una "mezza ciofeca", ma questo film non lo è...


    Comunque, l'importante è anche sapere che Scott non gira un kolossal o un film d'azione dopo l'altro.


    Ciao!

    RispondiElimina