mercoledì 16 luglio 2008

Derailed - Attrazione letale

Charles Schine (un Clive Owen particolarmente dimesso), pubblicitario e bravo padre di famiglia – con figlia diabetica da curare – un giorno conosce in treno la gentile Lucinda (una Jennifer Aniston fuori parte), che gli anticipa i soldi per pagare il ticket ferroviario. Nonostante Charles abbia problemi a casa ed ancor più a lavoro, decide di flirtare con la donna: i due, giunti al punto di avere un rapporto carnale in un motel ammuffito, vengono rapinati e subiscono violenze. Il delinquente autore del misfatto si farà vivo e, con la scusa di spubblicare la relazione di Charles, gli rovinerà la vita.
Un thrillerazzo tutt’altro che inedito, che comincia bene e con una buona ambientazione (piove in continuazione), aiutato da una suggestiva colonna sonora: presto però emergono le magagne della bucatissima sceneggiatura, le quali si accumulano in maniera macroscopica fino ad esplodere nel madornale colpo di scena finale. La regia di Mikael Hafström non fa nulla per renderle più digeribili. Unico vero pregio del film: non fa dormire.

CRITICA: ««

VISIONE CONSIGLIATA: A

8 commenti:

  1. Ho visto dieci minuti in tv e a parte che sbavare sia per Owen che per Cassell, hosubito capito che si trattava di una boiata colossale, ma soprattutto, e dimmi se sbaglio,

    ATTENZIONE SPOILER


    si capiva perfettamente che la Aniston era complice di quelli, vero?

    RispondiElimina
  2. Esatto! ^^


    La sceneggiatura (anzi "scemeggiatura") era proprio "telefonata": tutto era intuibile :(


    E poi, il colpo di scena finale faceva quasi piangere per quanto era gratuito...


    E a dire che la trama era pure basata su un romanzo! Roba da matti!


    Ciao ;)

    RispondiElimina
  3. Bah non mi è sembrato chissàcosa però dai come thrilleretto è godibile, ovviamente a parer mio...

    Ps. ho appena aperto un blog sul cinema, quando vuoi vieni a dare un'occhiata .... e lascia un commento! ;) Ciao!!

    RispondiElimina
  4. Sì, senza dubbio intrattiene, ammesso che si tollerino le tante incongruenze e stupidità sparse...


    Comunque, benvenuto in Splinderopoli!


    Ci si vede nelle rete! ^^

    RispondiElimina
  5. valentinaariete29 luglio 2008 12:58

    Mmm...filmaccio...

    E poi la Aniston che fa la sex-symbol...MA DAI!!!


    Clive Owen decisamente sprecato...


    E soprattutto: una fotografia oscena!

    RispondiElimina
  6. Un film potenzialmente intrigante, ma ricco di errori...


    Decisamente inadatta la Aniston per il ruolo affidatole; Owen di suo mette la faccia e niente più.


    Un film da rifare (e da riscrivere)!


    Ciao ^^

    RispondiElimina
  7. Low profile.

    Però alla Aniston due colpi (ma anche 5) glieli darei

    Byez

    RispondiElimina
  8. La Aniston è esteticamente gradevole, ma proprio non è una parte che fa per lei quella della "femme fatale"...


    Ciauz!

    RispondiElimina