martedì 1 luglio 2008

La mosca

Seth Brundle (Jeff Goldblum), eccentrico e solitario scienziato, ha messo a punto un sistema per teletrasportare oggetti inanimati tramite telepods (“telecapsule”). Veronica Quaife (Geena Davis), una giornalista, lo conosce ad un meeting scientifico ed inizia una sincera relazione sentimentale con lui. Un giorno Seth, credendo che Veronica lo stia usando per avere l’esclusiva, decide – in preda alla gelosia – di teletrasportarsi dopo aver “insegnato” alla macchina la “poesia della carne”. Il teletrasporto riesce, ma nella prima capsula oltre allo scienziato era presente una mosca: i loro genomi si sono fusi. Il che non porterà l’uomo a trasformarsi in un “moscone di 85 chili”, bensì in “qualcosa di nuovo”.
Nata – ma solo nelle intenzioni – come remake di L’esperimento del Dr. K (1958), questa pellicola (1986) di David Cronenberg, prodotta dalla Brooksfilm e dalla 20thCenturyFox, è una pietra miliare del body horror, in cui la “poetica della carne” del cineasta canadese trova piena realizzazione: lungi dall’essere una versione splatter della Metamorfosi kafkiana, è in realtà una commovente storia d’amore con le sembianze di un horror fantascientifico, riuscita parabola sui rischi della scienza postmoderna e sulla corsa sfrenata della società occidentale verso il progresso.
La mosca è uno dei più grandi film degli anni ‘80, oggi cult indiscusso, incredibilmente sottovalutato (insieme allo scottiano Alien) ai tempi della sua uscita. Indimenticabili la performance mimetica di Jeff Goldblum (che subito dopo le riprese sposò la Davis) e le struggenti musiche di Howard Shore (eseguite dalla London Philarmonic Orchestra). Un premio Oscar – uno solo! – per il trucco e i gli impressionanti VFX di Chris Walas; e cameo del grande boxeur canadese George Chuvalo nella scena della sfida a “braccio di ferro”, con in sottofondo (e non casualmente) Help Me di Bryan Ferry.

CRITICA: «««½

VISIONE CONSIGLIATA: A

12 commenti:

  1. E' uno di quelli di Cronenberg che devo recuperare al più presto! Bellissima l'analisi!

    RispondiElimina
  2. Grazie mille Ale!


    Non puoi perderlo!


    E' uno dei migliori Cronenberg in assoluto!!!


    Adoro questo film... potrei commentarlo scena per scena ;)


    Mi raccomando, attendo la tua analisi...


    Stammi bene, bye ^^

    RispondiElimina
  3. Uno dei migliori Cronenberg. Dal 2 luglio è partita la tournee teatrale del musical ispirato al film, musical diretto da Cronenberg stesso. Ne ho dato notizia qualche tempo fa.

    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Sì lo so, la notizia si sta diffondendo sui giornali e su Internet. Grazie lo stesso. :)


    E' la versione teatrale (quasi operistica) del film, ed è diretta dallo stesso Cronenberg.


    LA MOSCA continua ad essere al centro dell'attenzione nonostante sia dell'86 (ed il prototipo del '58).


    Gloria e vita a Cronenberg ;)


    Bye ^^

    RispondiElimina
  5. valentinaariete5 luglio 2008 21:02

    Incredibile, ho fatto una discussione su questo film proprio pochi giorni fa!


    Grande opera: c'è il mitico Goldblum, la mitica Davies e il mitico Cronenberg.


    Un mix epocale!


    Spettacolare quando comincia a raccogliere tutti i pezzi in vari contenitori pieni di formalina!!!


    Bella recensione!


    :-)

    RispondiElimina
  6. Grazie Valentina ^^


    LA MOSCA è un film di 90 minuti spaccati stracolmi di riferimenti (e non mi riferisco solo a Kafka...).


    E' davvero un grandissimo film, le cui trovate (anche a livello visivo e sonoro) sono di grande effetto ancor oggi.


    A breve penso che posterò una delle sue frasi più belle ;)


    Bye ^^

    RispondiElimina
  7. Davanti a questo grande film non posso che essere d'accordo. Ecco i rari casi in cui un remake supera l'originale! (Ma anche "L'esperimento..." è un buon film).

    RispondiElimina
  8. Senza dubbio anche il film del '58 è un buon film, anche se chiaramente oggi impressiona poco, e sostanzialmente per 2 motivi:


    1) Struttura narrativa con lungo flashback;


    2) La effetti visivi "rozzi" validi negli anni'50, ma oggi troppo grossolani. Comunque ben dosati per "colpa" del Codice Hays.


    Il film di Cronenberg è grande perché, più che un remake, è una reinvenzione di grande presa emotiva e visiva!


    Ciao ^^

    RispondiElimina
  9. Capolavoro assoluto...per me, insieme a Inseparabili, il miglior Cronenberg.


    Terrificante ed estremamente commovente.

    L'interpretazione di Jeff Goldblum, come fai notare, è incredibile.

    RispondiElimina
  10. INSEPARABILI è un grande film, ma anche M. BUTTERFLY non scherza ;)


    W LA MOSCA! Si tratta di 3 film in uno: sentimentale + fantascienza + horror!


    E tutte le componenti hanno il loro peso!


    Davvero grandissimo!


    Ciao ^^

    RispondiElimina
  11. Ovviamente nessun paragone tra i due film. Quello di Cronenberg è di un altro pianeta.

    RispondiElimina
  12. Si tratta di due film di due epoche assai diverse, le differenze (non solo narrative) sono tante e consistenti...


    Ciao ^^

    RispondiElimina